Polo Scolastico di Novafeltria - Provincia di Rimini

Piazzale Lorenzo Moni, 3 - 47863 Novafeltria (RN) - Tel. 0541 920130 - Fax: 0541 926177 - Email: rnis00300d@istruzione.it - segreteria@isisstoninoguerra.gov.it - PEC: rnis00300d@pec.istruzione.it

Dal Marecchia al Danubio

Questo il progetto realizzato dagli studenti delle classi quarte (oggi quinte) dell’ISISS Tonino Guerra tra gennaio e  novembre 2019 e finanziato dalla Regione Emilia Romagna nell’ambito del bando  Viaggi della memoria 2019.

Il momento culminante ed emotivamente più intenso del progetto è stata la visita al lager di Mauthausen, realizzata  nel mese di Aprile 2019.  

Il  viaggio ha condotto gli studenti alla volta  delle città di Vienna e di Salisburgo e successivamente al campo di concentramento di Mauthausen, ai sottocampi di Gusen e di Sankt Valentin. Questo con l’obiettivo – come spiegano le prof.sse Irene Gaggia e Antonella Buratta –  di “capire come la civiltà austriaca abbia prodotto grandiosi esempi nella musica, nella cultura, nella letteratura, nella politica e, dall’altro lato, il mostro di Mauthausen e dei suoi sottocampi.”

Il progetto è stato realizzato a partire dall’approfondimento dell’esperienza di quattro ragazzi, di età compresa fra i sedici e diciotto anni, catturati – in uno degli otto rastrellamenti del 1944 -  nel comune di Pennabilli (non lontano da Novafeltria), caricati su un camion diretto a Fossoli, poi a Mauthausen e infine smistati nei sottocampi di Gusen e Sankt Valentin.

La cerimonia,  tenutasi venerdì 29 novembre nell’Aula Magna dell’Istituto, alla presenza  della Preside del Tonino Guerra, del sindaco e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Novafeltria, degli studenti e dei rappresentanti dei genitori, ha proposto la sintesi del lavoro realizzato  dalle classi 5°A/E, 5°C, 5°D1, 5°D2 e 5°S e pubblicato in versione integrale nel blog https://dalmarecchialdanubio.home.blog.

L’evento si apre con l’esecuzione  di Michelangelo Caprioli del brano Capriccio per viola di Henri Vieuxtemps, per poi passare alla lettura tratta dal racconto  di Antonio Buratta - l’unico dei quattro ragazzi deportati da Pennabilli nel 1944 ancora in vita  e padre della prof.ssa Antonella Buratta -  riguardante il momento della  cattura e del viaggio.

Segue il  video Diario della memoria (raggiungibile dal sito https://www.youtube.com/watch?v=vBbRaVUDlVQ&feature=youtu.be),   realizzato dalla dott.ssa Laura Luppi, che ha raccolto le esperienze e i vissuti dei ragazzi durante la visita al lager.

L’evento prosegue con l’esposizione dei lavori delle singole classi, dalla raccolta delle  testimonianze relative agli eventi bellici e  fornite dalla viva voce dei protagonisti – come quella di Luigi Pacini, di Vito Rosati, di Pino Corazzini... – al progetto grafico della pianta del campo di concentramento di Mauthausen. Tra le attività svolte dagli studenti vi è, inoltre, la visita alla mostra allestita a Rimini “1938-1945: La persecuzione degli ebrei in Italia”, che ha fornito lo spunto per affrontare il tema delle leggi razziali e della questione ebraica.

 A conclusione della manifestazione l’esecuzione voce  e chitarra del brano “Dio è morto” di Francesco Guccini, a cura di Lamyaa Slimauoi e Samir Belaroussi,  uno dei momenti più emozionanti di un evento che assume un’importanza straordinaria in questo momento storico - come spiega la prof.ssa Irene Gaggia -  “ per ricordare a tutti noi che non c’è nessuna conquista che sia definitiva ”. (Sofia Rosati, VC)

Pubblicata il 15 gennaio 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.